Reumatologia
Ematologia.net
OncologiaMedica.net
OncoGinecologia.net

Funzione cognitiva con Evolocumab, un inibitore PCSK9 per il trattamento dell'ipercolesterolemia


I risultati di studi clinici condotti sugli inibitori della proproteina convertasi subtilisina-kexina di tipo 9 ( PCSK9 ) hanno portato a temere che questi farmaci o i bassi livelli di colesterolo LDL risultanti dal loro uso siano associati a deficit cognitivi.

In un sottogruppo di pazienti da uno studio randomizzato, controllato con placebo, di Evolocumab ( Repatha ) aggiunto alla terapia con statine, è stata valutata prospetticamente la funzione cognitiva utilizzando la scala CANTAB ( Cambridge Neuropsychological Test Automated Battery ).

L'endpoint primario era il punteggio sull'indice di strategia di memoria di lavoro visuo-spaziale della funzione esecutiva ( punteggi da 4 a 28, con punteggi più bassi che indicano un uso più efficiente della strategia e della pianificazione ).
Gli endpoint secondari erano i punteggi per la memoria di lavoro ( punteggi da 0 a 279, con punteggi più bassi che indicano meno errori ), la memoria episodica ( punteggi da 0 a 70, con punteggi più bassi che indicano meno errori ) e la velocità psicomotoria ( punteggi vanno da 100 a 5.100 msec, con tempi più veloci che rappresentano prestazioni migliori ).

Le valutazioni della funzione cognitiva sono state eseguite al basale, alla settimana 24, annualmente e alla fine dello studio.
L'analisi primaria era un confronto di non-inferiorità del cambiamento medio rispetto al basale nel punteggio sull'indice di strategia di memoria di lavoro visuo-spaziale della funzione esecutiva tra i pazienti che hanno ricevuto Evolocumab e quelli che hanno ricevuto il placebo; il margine di non-inferiorità è stato fissato al 20% della deviazione standard del punteggio nel gruppo placebo.

In totale 1.204 pazienti sono stati seguiti per una mediana di 19 mesi; il cambiamento medio rispetto al basale nel tempo nel punteggio grezzo per l'indice di strategia di memoria di lavoro spaziale della funzione esecutiva ( endpoint primario ) è stato -0.21 nel gruppo Evolocumab e -0.29 nel gruppo placebo ( P minore di 0.001 per la non-inferiorità; P=0.85 per superiorità ).

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi negli endpoint secondari dei punteggi per la memoria di lavoro ( variazione del punteggio grezzo, -0.52 nel gruppo Evolocumab e -0.93 nel gruppo placebo ), memoria episodica ( variazione del punteggio grezzo, -1.53 e -1.53, rispettivamente ), o velocità psicomotoria ( variazione nel punteggio grezzo, 5.2 msec e 0.9 msec, rispettivamente ).

In una analisi esplorativa, non ci sono state associazioni tra livelli di colesterolo LDL e cambiamenti cognitivi.

In conclusione, in uno studio randomizzato condotto su pazienti che hanno ricevuto sia Evolocumab sia placebo in aggiunta alla terapia con statine, non è stata osservata alcuna differenza significativa tra i gruppi nella funzione cognitiva su una mediana di 19 mesi. ( Xagena2017 )

Giugliano RP et al, N Engl J Med 2017; 377: 633-643

Endo2017 Cardio2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro