Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Aspirina giornaliera a basso dosaggio e rischio di gravi cadute e fratture nelle persone anziane sane: sottostudio dello studio ASPREE


Le cadute e le fratture sono frequenti e dannose per la salute delle persone anziane. È stato riportato che l’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) riduce la fragilità ossea e rallenta la perdita ossea.

Si è determinato se l’Aspirina giornaliera a basso dosaggio ( 100 mg ) è in grado di ridurre il rischio di fratture o cadute gravi ( presentazioni ospedaliere correlate a cadute ) in uomini e donne anziani sani.

Questo sottostudio di uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo ha preso in esame uomini e donne adulti anziani in 16 siti principali nel sud-est dell'Australia.
Il sottostudio ASPREE-FRACTURE è stato condotto come parte della componente australiana dello studio ASPREE.

Tra il 2010 e il 2014 volontari sani ( privi di malattie cardiovascolari, demenza o disabilità fisica ) residenti in comunità di età pari o superiore a 70 anni sono stati reclutati per partecipare allo studio ASPREE.

I partecipanti potenzialmente idonei sono stati identificati dai medici e dal personale dello studio e hanno ricevuto una lettera di invito a partecipare.
I partecipanti interessati sono stati selezionati per l'idoneità.
I partecipanti idonei con l'autorizzazione del medico e aderenti a una sperimentazione farmacologica di 4 settimane di run-in sono stati randomizzati.
I dati sono stati analizzati dal 2019 al 2022.

I partecipanti al gruppo di intervento hanno ricevuto una dose giornaliera di 100 mg di Aspirina con rivestimento enterico orale ( bassa dose ).
Il gruppo di controllo ha ricevuto una compressa placebo con rivestimento enterico identico ogni giorno.

L'esito primario di ASPREE-FRACTURE era il verificarsi di eventuali fratture. L'esito secondario era una grave caduta con conseguente presentazione in ospedale.

In totale, sono state reclutate 16.703 persone con un'età media di 74 anni e 9.179 ( 55.0% ) erano donne.
C'erano 8.322 partecipanti all'intervento e 8.381 partecipanti al controllo inclusi nell'analisi degli esiti primari e secondari di 2.865 fratture e 1.688 cadute gravi durante il follow-up mediano di 4.6 anni.

Sebbene non vi fosse alcuna differenza nel rischio di prima frattura tra i partecipanti all'intervento e quelli di controllo ( hazard ratio, HR=0.97; P=0.50 ), l’Aspirina è stata associata a un rischio più elevato di cadute gravi ( cadute totali 884 vs 804; rate ratio di incidenza, 1.17; P=0.01 ).
I risultati sono rimasti invariati nelle analisi aggiustate per le covariate note per influenzare il rischio di fratture e cadute.

In questo sottostudio di uno studio clinico randomizzato, il fallimento dell’Aspirina a basso dosaggio nel ridurre il rischio di fratture aumentando il rischio di gravi cadute si aggiunge all'evidenza che questo agente fornisce pochi benefici favorevoli in una popolazione anziana sana e bianca. ( Xagena2022 )

Barker AL et al, JAMA Intern Med 2022; 182: 1289-1297

Endo2022 Farma2022



Indietro