Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Xagena Salute

Dieta ad alto o a basso contenuto proteico e indice glicemico per il mantenimento del calo ponderale


Studi relativi a diete per il controllo del peso con alto contenuto proteico o basso indice glicemico sono giunti a varie conclusioni, probabilmente a causa del fatto che non erano sufficientemente potenti nel loro disegno sperimentale.

Uno studio ha coinvolto adulti in sovrappeso da 8 Paesi europei che avevano perso almeno l’8% del loro peso corporeo iniziale con una dieta ipocalorica di 3.3-MJ ( 800-kcal ).

I partecipanti sono stati assegnati in maniera casuale, con disegno fattoriale 2x2, a una delle 5 diete ad libitum per la prevenzione di un nuovo aumento di peso in un periodo di 26 settimane: basso contenuto proteico e basso indice glicemico, basso contenuto proteico e alto indice glicemico, alto contenuto proteico e basso indice glicemico, alto contenuto proteico e alto indice glicemico o una dieta di controllo.

Sono stati esaminati 1.209 adulti ( età media 41 anni; indice di massa corporea, BMI=34 ), 938 dei quali sono stati introdotti nella fase dello studio che prevedeva la dieta a basso apporto calorico.

In totale, 773 partecipanti che avevano completato quella fase sono stati assegnati in maniera casuale a uno dei 5 regimi di mantenimento; 548 hanno completato lo studio ( 71% ).

Il numero dei partecipanti che hanno abbandonato lo studio è risultato inferiore nei gruppi con alto contenuto proteico e basso indice glicemico rispetto al gruppo basso contenuto proteico-alto indice glicemico ( 26.4% e 25.6%, rispettivamente vs 37.4%; P=0.02 e P=0.01 per i rispettivi confronti ).

Il calo ponderale medio iniziale con il regime ipocalorico è stato di 11 kg.

Nell'analisi dei partecipanti che hanno completato lo studio, solo il regime a basso contenuto proteico-alto indice glicemico è risultato associato a un successivo e significativo nuovo aumento di peso ( 1.67 kg ).

In un'analisi intention-to-treat, il riacquisto di peso è risultato pari a 0.93 kg inferiore nei gruppi assegnati a dieta ad alto contenuto proteico che a quelle a basso contenuto proteico ( P=0.003 ) e 0.95 kg inferiore nei gruppi assegnati a dieta a basso indice glicemico che a quelle ad alto indice glicemico ( P=0.003 ).

L'analisi che ha coinvolto i partecipanti che hanno completato tutto lo studio di intervento ha portato a risultati simili e i gruppi non hanno mostrato differenze significative per quanto riguarda gli eventi avversi legati alla dieta.

In conclusione, in questo ampio studio europeo un lieve aumento nel contenuto proteico e una lieve riduzione dell'indice glicemico hanno portato a un miglioramento nel completamento dello studio e nel mantenimento del calo ponderale. ( Xagena2010 )

Larsen TM et al, N Engl J Med 2010; 363: 2102-2113


Endo2010


Indietro