Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Pneumobase.it

Effetti dell'integrazione di Vitamina-D sulla salute muscolo-scheletrica


Gli effetti della Vitamina-D su fratture, cadute e densità minerale ossea sono incerti, in particolare per dosi elevate di Vitamina-D.
Uno studio ha valutato l'effetto della supplemtazione di Vitamina-D su fratture, cadute e densità ossea.

In una revisione sistematica, meta-analisi ad effetti casuali e analisi sequenziale di studi, sono stati utilizzati i risultati di meta-analisi pubblicate in precedenza.
Sono stati valutati studi randomizzati e controllati su adulti a partire da 18 anni di età che hanno confrontato la Vitamina-D con controlli non-trattati, con placebo o con supplementi di Vitamina-D a basse dosi.

Studi con più interventi ( ad esempio, Calcio e Vitamina D concomitanti ) erano eleggibili se i gruppi di studio differivano solo dall'uso di Vitamina-D.
Sono stati esclusi studi di analoghi idrossilati della Vitamina-D.
Gli studi eleggibili includevano dati sull’esito per fratture totali o dell'anca, cadute, o densità minerale ossea misurata a livello di colonna lombare, anca totale, collo del femore, corpo totale o avambraccio.

Gli endpoint co-primari erano i partecipanti con almeno una frattura, almeno una frattura dell'anca o almeno una caduta.
Gli endpoint secondari erano la variazione percentuale della densità minerale ossea dal basale a livello di colonna lombare, anca totale, collo del femore, corpo totale e avambraccio.

Sono stati identificati 81 studi randomizzati controllati ( n=53.537 partecipanti ) che hanno riportato dati su fratture ( n=42 ), cadute ( n=37 ) o densità minerale ossea ( n=41 ).

Nelle analisi di dati aggregati, la Vitamina-D non ha avuto alcun effetto su frattura totale ( 36 studi, n=44.790, rischio relativo, RR=1.00 ), frattura dell'anca ( 20 studi, n=36.655, RR=1.11 ), o cadute ( 37 studi, n=34.144, RR=0.97 ).

I risultati sono stati simili in studi randomizzati controllati di Vitamina-D a dosi elevate e a basso dosaggio e in analisi di sottogruppi di studi randomizzati controllati con dosi superiori a 800 UI al giorno.

Nelle analisi di dati aggregati, non vi sono state differenze clinicamente rilevanti tra i gruppi di densità minerale ossea in qualsiasi sito ( intervallo da -0.16% a 0.76% in 1-5 anni ).

Per le fratture e le cadute totali, la stima dell'effetto si è collocata all'interno del limite di futilità per i rischi relativi del 15%, 10%, 7.5% e 5% ( solo frattura totale ), suggerendo che l'integrazione con Vitamina-D non riduce le fratture o le cadute a queste quantità.

Per la frattura dell'anca, con un rischio relativo del 15%, la stima dell'effetto si colloca tra il limite di futilità e il limite inferiore, il che significa che vi è una prova certa che la supplementazione di Vitamina-D non riduce le fratture dell'anca a queste quantità, ma rimane incertezza sulla possibilità di aumentare le fratture dell'anca.

La stima dell'effetto si colloca all'interno del confine di futilità a soglie dello 0.5% per la densità minerale ossea totale dell'anca, dell'avambraccio e corporea totale e dell’1.0% per la colonna lombare e il collo del femore, fornendo una prova affidabile che la Vitamina-D non altera questi esiti a queste quantità.

I risultati suggeriscono che la supplementazione con Vitamina-D non previene fratture o cadute e non ha effetti clinicamente significativi sulla densità minerale ossea.
Non ci sono state differenze tra gli effetti delle dosi più alte e più basse di Vitamina-D.
Non vi è alcuna giustificazione per utilizzare gli integratori di Vitamina-D per mantenere o migliorare la salute muscolo-scheletrica.
Questa conclusione dovrebbe riflettersi nelle linee guida cliniche. ( Xagena2018 )

Bolland MJ et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 847-858

Endo2018 Orto2018 Farma2018


Indietro