Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Neurobase.it

Efficacia e sicurezza della terapia con statine negli anziani


La terapia con statine ha dimostrato di ridurre i principali eventi vascolari e la mortalità vascolare in una vasta gamma di individui, ma vi è incertezza sulla sua efficacia e sicurezza nelle persone anziane.

È stata effettuata una meta-analisi dei dati di studi sulle statine di grandi dimensioni per confrontare gli effetti della terapia con statine a diverse età.

In questa meta-analisi, gli studi randomizzati sulla terapia con statine erano ammissibili se avevano reclutato almeno 1.000 partecipanti con una durata programmata del trattamento di almeno 2 anni.
Sono stati analizzati i dati dei singoli partecipanti da 22 studi ( n=134.537 ) e i dati di riepilogo dettagliati da uno studio ( n=12.705 ) sulla terapia con statine rispetto a un controllo, oltre ai dati dei partecipanti individuali da 5 studi su una terapia con statine più intensiva rispetto a una terapia meno intensiva ( n=39.612 ).

I partecipanti sono stati suddivisi in 6 gruppi di età ( 55 anni o più giovani, 56-60 anni, 61-65 anni, 66-70 anni, 71-75 anni e oltre 75 anni ).

Sono stati stimati gli effetti sui principali eventi vascolari ( ad esempio, eventi coronarici maggiori, ictus e rivascolarizzazione coronarica ), mortalità causa-specifica e incidenza dei tumori come rate ratio ( RR ) per la riduzione di 1.0 mmol/l di colesterolo LDL.

14.483 partecipanti su 186.854 ( 8% ) nei 28 studi avevano un'età superiore a 75 anni alla randomizzazione e la durata mediana del follow-up era di 4.9 anni.
Complessivamente, la terapia con statine o un regime statinico più intenso hanno prodotto una riduzione proporzionale del 21% ( RR=0.79 ) nei principali eventi vascolari per una riduzione di 1.0 mmol/l di colesterolo LDL.

È stata osservata una significativa riduzione dei principali eventi vascolari in tutte le fasce di età.
Sebbene le riduzioni proporzionali nei principali eventi vascolari diminuissero leggermente con l'età, questa tendenza non è stata statisticamente significativa ( tendenza P=0.06 ).

Complessivamente, le statine o una terapia più intensiva hanno prodotto una riduzione proporzionale del 24% ( RR=0.76 ) negli eventi coronarici maggiori per riduzione di 1.0 mmol/l di colesterolo LDL e con l'aumentare dell'età è stata osservata una tendenza verso minori riduzioni proporzionali del rischio nei principali eventi coronarici ( tendenza P=0.009 ).

È stata osservata una riduzione proporzionale del 25% ( RR=0.75 ) del rischio di procedure di rivascolarizzazione coronarica con la terapia con statine o un regime statinico più intenso per un colesterolo LDL più basso di 1.0 mmol/l, che non differiva significativamente tra i gruppi di età ( tendenza P=0.6 ).

Allo stesso modo, le riduzioni proporzionali nell’ictus di qualsiasi tipo ( RR=0.84 ) non differivano significativamente tra i gruppi di età ( tendenza P=0.7 ).

Dopo l'esclusione di 4 studi che hanno arruolato solo pazienti con insufficienza cardiaca o sottoposti a dialisi renale, nei quali la terapia con statine non si è dimostrata efficace, la tendenza verso riduzioni proporzionali più ridotte del rischio con l’aumento dell’età è persistita per eventi coronarici maggiori ( tendenza P=0.01 ) ed è rimasta non-significativa per i principali eventi vascolari ( tendenza P=0.3 ).

La riduzione proporzionale nei principali eventi vascolari era simile, indipendentemente dall'età, tra i pazienti con malattia vascolare preesistente ( tendenza P=0.2 ), ma appariva più piccola tra i più anziani rispetto agli individui più giovani che non avevano malattie vascolari ( tendenza P=0.05 ).

È stata rilevata una riduzione proporzionale del 12% ( RR=0.88 ) della mortalità vascolare per una riduzione di 1.0 mmol/l di colesterolo LDL, con una tendenza verso minori riduzioni proporzionali con l’età avanzata ( tendenza P=0.004 ), ma questa tendenza non è rimasta dopo l'esclusione degli studi di insufficienza cardiaca o dialisi ( tendenza P=0.2 ).

La terapia con statine non ha avuto alcun effetto a nessuna età sulla mortalità non-vascolare, la morte per tumore o l'incidenza di cancro.

La terapia con statine produce riduzioni significative nei principali eventi vascolari indipendentemente dall'età, ma vi sono meno evidenze dirette di beneficio tra i pazienti di età superiore a 75 anni che non hanno già evidenza di malattia vascolare occlusiva. Questa limitazione verrà affrontata da ulteriori studi. ( Xagena2019 )

Cholesterol Treatment Trialists' Collaboration, Lancet 2019; 393: 407-415

Endo2019 Farma2019


Indietro