Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Ematobase.it

Inibizione di PCSK9 con Evolocumab nella ipercolesterolemia familiare eterozigote: studio RUTHERFORD-2


L’ipercolesterolemia familiare eterozigote è caratterizzata da basso assorbimento cellulare di colesterolo LDL, aumentate concentrazioni plasmatiche di colesterolo LDL, e malattie cardiovascolari premature.
Nonostante la terapia intensiva con statine, con o senza Ezetimibe, molti pazienti non sono in grado di raggiungere i livelli target raccomandati di colesterolo LDL.

È stato studiato l'effetto di inibizione di PCSK9 con Evolocumab ( AMG 145; Repatha ) sul colesterolo LDL in pazienti affetti da questo disturbo.

Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo è stato condotto in 39 Centri ( la maggior parte dei quali erano cliniche specializzate ) in Australia, Asia, Europa, Nuova Zelanda, America del Nord e Sud Africa durante l’anno 2013.

331 pazienti eleggibili ( 18-80 anni di età ) che hanno soddisfatto i criteri clinici per l’ipercolesterolemia familiare eterozigote ed erano stati in terapia stabile ipolipemizzante per almeno 4 settimane, con una concentrazione di colesterolo LDL a digiuno di 2.6 mmol/l o superiore, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Evolocumab per via sottocutanea 140 mg ogni 2 settimane, Evolocumab 420 mg mensile, oppure placebo per via sottocutanea ogni 2 settimane o mensile per 12 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per concentrazione di colesterolo LDL allo screening ( superiore o inferiore a 4.1 mmol/l ) e uso di Ezetimibe basale.

Gli endpoint co-primari erano rappresentati dalla variazione percentuale dal basale del colesterolo LDL alla settimana 12 e la media delle settimane 10 e 12.

Dei 415 pazienti esaminati, 331 erano ammissibili e sono stati assegnati in modo casuale a quattro gruppi di trattamento: Evolocumab 140 mg ogni 2 settimane ( n=111 ), Evolocumab 420 mg mensili ( n=110 ), placebo ogni 2 settimane ( n=55 ), o placebo mensile ( n=55 ).
329 pazienti hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Rispetto al placebo, Evolocumab in entrambi i programmi di dosaggio ha portato a una significativa riduzione del colesterolo LDL medio alla settimana 12 ( dose ogni 2 settimane: riduzione del 59.2%; dose mensile: riduzione del 61.3%; entrambi P minore di 0.0001 ) e della media a 10 e 12 settimane ( riduzione del 60.2% e 65.6%; entrambi P minore di 0.0001 ).

Evolocumab è stato ben tollerato, con tassi di eventi avversi simili al placebo.
Gli eventi avversi più comuni che si sono verificati più frequentemente nei pazienti trattati con Evolocumab rispetto ai gruppi placebo sono stati nasofaringite ( in 19 pazienti [ 9% ] vs 5 [ 5% ] nel gruppo placebo) ed eventi avversi muscolari ( 10 pazienti [ 5% ] vs 1 [ 1% ]).

Nei pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote, Evolocumab somministrato a 140 mg ogni 2 settimane o a 420 mg mensilmente è stato ben tollerato e ha prodotto riduzioni simili e rapide del 60% del colesterolo LDL rispetto al placebo. ( Xagena2015 )

J Raal F et al, Lancet 2015;385:331-340

Endo2015 Cardio2015 Farma2015


Indietro