Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Gastrobase.it

Lipoproteina (a), inibizione di PCSK9 e rischio cardiovascolare: studio FOURIER


La lipoproteina (a) [ Lp(a) ], può svolgere un ruolo causale nell'aterosclerosi. Gli inibitori di PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ) hanno dimostrato di ridurre significativamente la concentrazione plasmatica di Lp(a).
Tuttavia, la relazione tra i livelli di Lp(a), l'inibizione di PCSK9 e la riduzione del rischio cardiovascolare rimane indefinita.

Lp(a) è stata misurata in 25.096 pazienti in FOURIER ( Further Cardiovascular Outcomes Research with PCSK9 Inhibition in Subjects with Elevated Risk ), uno studio randomizzato di Evolocumab ( Repatha ) rispetto al placebo nei pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica definita ( follow-up mediano, 2.2 anni ).

È stato valutato il valore prognostico indipendente di Lp(a) e l'efficacia di Evolocumab per la riduzione del rischio coronarico in base alla concentrazione di Lp(a) al basale.

La concentrazione mediana al basale di Lp(a) è stata di 37 nmol/l.

Nel braccio placebo, i pazienti con Lp(a) al basale nel quartile più alto avevano un rischio più elevato di morte per malattia coronarica, infarto del miocardio o rivascolarizzazione urgente ( hazard ratio aggiustato, aHR, quartile 4: quartile 1, 1.22 ) indipendentemente dal colesterolo LDL.

A 48 settimane, Evolocumab ha ridotto significativamente la Lp(a) di una mediana del 26.9%. La variazione percentuale di Lp(a) e colesterolo LDL a 48 settimane nei pazienti che assumevano Evolocumab è stata moderatamente positivamente correlata ( r=0.37; P minore di 0.001 ).

Evolocumab ha ridotto il rischio di morte per malattia coronarica, infarto miocardico o rivascolarizzazione urgente del 23% ( HR=0.77 ) nei pazienti con Lp(a) al basale superiore alla mediana e del 7% ( HR=0.93; P interazione=0.07 ) in quelli con Lp(a) inferiore o uguale alla mediana.
Insieme al rischio basale più elevato, le riduzioni di rischio assoluto e il numero necessario da trattare ( NNT ) in 3 anni sono stati rispettivamente del 2.49% e di 40 rispetto a 0.95% e 105.

Livelli più elevati di Lp(a) sono risultati associati a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con malattia cardiovascolare accertata indipendentemente dal colesterolo LDL.
Evolocumab ha ridotto significativamente i livelli di Lp(a) e i pazienti con livelli di Lp(a) basali più elevati hanno avuto maggiori riduzioni assolute di Lp(a) e hanno tratto maggiori benefici coronarici dall'inibizione di PCSK9. ( Xagena2019 )

O’Donoghue ML et al, Circulation 2019; 139: 1483-1492

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro