Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it
Cardiobase

L’ipovitaminosi D è associata ad un più elevato rischio di resistenza all’insulina e di sindrome metabolica


Ricercatori della California University a Los Angeles ( UCLA ) hanno studiato la relazione tra le concentrazioni di 25-idrossi-Vitamina D ( 25OHD ) e la sensibilità all’insulina e la funzione delle cellule beta.

Sono stati arruolati 126 soggetti sani.

Dall’analisi monovariata è emerso che la concentrazione di 25-idrossi-Vitamina D era positivamente associata all’indice di sensibilità dell’insulina ( ISI ) e negativamente correlata alla risposta all’insulina.

L’analisi multivariata ha confermato la correlazione, indipendente, tra la concentrazione di 25–idrossi-Vitamina D e l’ISI ( p = 0,0007 ), mentre non ha mostrato alcuna associazione, indipendente , tra la concentrazione di 25-idrossi-Vitamina D e la risposta all’insulina.

Tuttavia nel corso del test orale di tolleranza al glucosio è stata osservata una relazione negativa indipendente tra la concentrazione di 25 – idrossi-Vitamina D e la glicemia.

I soggetti con ipovitaminosi D ( inferiore a 20 mg/mL ) hanno presentato una maggiore prevalenza di sindrome metabolica rispetto alle persone senza ipovitaminosi ( 30% versus 11%; p = 0,0076 ).

Questi dati dimostrano che i soggetti con ipovitaminosi D sono a più alto rischio di resistenza all’insulina e di sindrome metabolica.( Xagena2004 )


Chin KC et al, Am J Clin Nutr 2004 ; 79 :820-825


Endo2004


Indietro