Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Neurobase.it

Ranelato di Stronzio: tollerabilità e sicurezza nel lungo periodo


Il Ranelato di Stronzio ( Osseor, Protelos ) ha dimostrato di avere un buon profilo di sicurezza e di tollerabilità negli studi clinici a lungo termine ( RCT a 5 anni e studi di estensione in aperto ) e nella popolazione generale dopo 7 anni di sorveglianza post-approvazione.
L'elevata tollerabilità ha portato a una maggiore compliance, come dimostrato in una analisi post hoc dei dati aggregati degli studi SOTI e TROPOS a 5 anni.
La maggiore compliance ha influenzato il rischio di fratture dell'anca e delle fratture non-vertebrali, dal momento che le donne con più alta aderenza alla terapia hanno presentato una maggiore riduzione del rischio di fratture.

Negli studi SOTI e TROPOS, gli eventi avversi, gli eventi avversi gravi e le interruzioni correlate agli effetti indesiderati sono risultate paragonabili nel gruppo di trattamento attivo rispetto al placebo, e la loro incidenza non era diversa nelle donne di età superiore a 80 anni.
La nausea nello studio SOTI, e la nausea, diarrea, mal di testa, dermatite nello studio TROPOS erano effetti indesiderati associati alla terapia con Ranelato di Stronzio, ma solo all'inizio del trattamento e non dopo 3 mesi.

Le reazioni avverse non-comuni associate a una terapia hanno maggiore probabilità di emergere in popolazioni di dimensioni maggiori rispetto a quelle incluse negli studi iniziali di tipo registrativo.
Pertanto, le informazioni sulla sicurezza a lungo termine derivano dall’analisi post-marketing, dalla farmacovigilanza, dai casi clinici e da studi in aperto.

Il tasso di tromboembolismo venoso non è aumentato nel gruppo di donne che hanno ricevuto Ranelato di Stronzio, rispetto al placebo, negli studi SOTI e TROPOS.
Tuttavia, quando i dati sono stati riuniti in un'analisi post-marketing da parte della Agenzia europea per i medicinali, EMA ( 2009 ), l'incidenza annuale di tromboembolismo venoso è stata dello 0.9% nel gruppo in trattamento attivo rispetto allo 0.6% nel gruppo placebo.
Questi tassi di tromboembolismo sono simili a quelli della popolazione generale di pari età, e le donne in postmenopausa di per sé sono ad aumentato rischio di tromboembolismo venoso.

Un'analisi retrospettiva, che ha utilizzato i dati del British General Practice Research Database, ha esaminato i tassi di tromboembolismo venoso nelle donne con osteoporosi trattate con Ranelato di Stronzio ( n=2.408 ), quelle trattate con Alendronato ( n=20.084 ), quelle che non erano state trattate ( n=11.546 ), e le donne senza osteoporosi ( n=115.009 ).
E’ stato riscontrato un aumento del tasso di tromboembolismo venoso nelle donne non-trattate con osteoporosi rispetto alle donne senza osteoporosi, ma non è stata osservata alcuna differenza tra le donne trattate e non-trattate con osteoporosi o tra diversi trattamenti. Queste osservazioni sono state confermate in due studi osservazionali.

Tuttavia, in una raccomandazione dell'EMA ( 2012 ), per il fatto che il tromboembolismo venoso è più frequente nelle persone con una storia di tromboembolismo o nelle persone che sono temporaneamente o definitivamente immobilizzate, è stato consigliato di evitare la somministrazione di Ranelato di Stronzio in queste condizioni.
Inoltre, il Ranelato di Stronzio deve essere usato con cautela nei pazienti a rischio di tromboembolismo venoso, e sospeso appena possibile nel caso di una malattia o di una condizione che porta alla immobilizzazione, ed adeguate misure preventive devono essere adottate.
La terapia deve essere ripresa solo a risoluzione della condizione e quando la paziente è completamente mobile.
Il trattamento non è controindicato nei pazienti di 80 anni d’età e oltre, nei quali l'efficacia del Ranelato di Stronzio è ben documentata. La necessità di continuare il trattamento deve essere, tuttavia, rivalutata nel caso in cui il paziente di età superiore agli 80 anni sia a rischio di tromboembolismo venoso.

La sindrome DRESS ( Drug Rash with Eosinophilia and Systemic Symptoms ) è una rara reazione di ipersensibilità. Il rischio più alto si verifica di solito intorno a 3-6 settimane dopo l'inizio del trattamento.
Il tasso di mortalità può raggiungere l’8-10%.
La sindrome DRESS di solito richiede il ricovero in Unità di Terapia Intensiva( UTI ), con tempestiva sospensione del farmaco e la corretta gestione, a volte anche mediante la somministrazione di glucocorticoidi sistemici, che possono migliorare la prognosi.
Questa sindrome non è del solo Ranelato di Stronzio, poiché è stata osservata anche con altri trattamenti ( ad esempio sulfamidici, farmaci antiepilettici aromatici, farmaci antinfiammatori non-steroidei, neurolettici, ecc. ).
La sindrome DRESS è caratterizzata dallo sviluppo di una grave eruzione generalizzata, edema facciale, allargamento dei linfonodi, temperatura corporea elevata ( superiore a 38.5 °C ) e coinvolgimento multisistemico ( epatite, nefrite interstiziale, polmonite interstiziale e anomalie ematologiche ).L’esantema prima maculare poi papulare inizia nella parte superiore del tronco e del viso e scende alle estremità inferiori.
In seguito alla raccomandazione dell'EMA ( 2009 ), il trattamento con il Ranelato di Stronzio deve essere interrotto in caso di rash cutaneo, e non deve essere ripreso. ( Xagena2013 )

Brandi ML et al, Ther Adv Musculoskel Dis 2013; 5: 127-139

Endo2013 Farma2013


Indietro