Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Relazioni stimate dose-risposta per la Vitamina-D con malattia coronarica, ictus e mortalità per tutte le cause


Gli studi randomizzati sull'integrazione di Vitamina-D per le malattie cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause hanno generalmente riportato risultati nulli.
Tuttavia, la generalizzabilità dei risultati agli individui con un basso stato di Vitamina-D non è ben definita.
Sono state caratterizzate le relazioni dose-risposta tra le concentrazioni di 25-idrossivitamina-D ( 25-OH-D ) e il rischio di malattia coronarica, ictus e mortalità per tutte le cause in contesti osservazionali e di randomizzazione mendeliana.

Sono state effettuate analisi osservazionali utilizzando i dati di 33 studi prospettici comprendenti 500.962 individui senza storia nota di malattia coronarica o ictus al basale.
Le analisi di randomizzazione mendeliana sono state eseguite in quattro studi di coorte basati sulla popolazione ( UK Biobank, EPIC-CVD e due studi basati sulla popolazione di Copenaghen ) comprendenti 386.406 individui di mezza età di origini europee, tra cui 33.546 persone che hanno sviluppato una malattia coronarica, 18.166 persone che hanno avuto un ictus e 27.885 persone che sono morte.

Gli esiti primari erano la malattia coronarica, definita come cardiopatia ischemica fatale ( International Classification of Diseases decima revisione codice I20-I25 ) o infarto miocardico non-fatale ( I21-I23 ); ictus, definito come qualsiasi malattia cerebrovascolare ( I60-I69 ); e mortalità per tutte le cause.

Le analisi osservazionali hanno suggerito associazioni inverse tra esiti di malattia coronarica incidente, ictus e mortalità per tutte le cause con la concentrazione di 25-OH-D a basse concentrazioni di 25-OH-D.

Nelle analisi genetiche a livello di popolazione, non ci sono state associazioni tra 25-OH-D geneticamente prevista e malattia coronarica, ictus o mortalità per tutte le cause.
Tuttavia, per i partecipanti con carenza di Vitamina-D ( concentrazione di 25-OH-D inferiore a 25 nmol/l ), le analisi genetiche hanno fornito prove evidenti di una associazione inversa con la mortalità per tutte le cause ( odds ratio, OR per aumento di 10 nmol/l di concentrazione di 25-OH-D geneticamente prevista 0.69; P minore di 0.0001 ) e associazioni inverse non-significative per ictus ( OR=0.85; P=0.09 ) e cardiopatia ischemica ( OR=0.89; P=0.14 ).

Le analisi di randomizzazione mendeliana stratificata hanno mostrato una relazione causale tra le concentrazioni di 25-OH-D e la mortalità per gli individui con un basso stato di Vitamina-D.
I risultati hanno implicazioni per la progettazione di studi di integrazione di Vitamina-D e potenziali strategie di prevenzione delle malattie. ( Xagena2021 )

Emerging Risk Factors Collaboration/EPIC-CVD/Vitamin D Studies Collaboration; The Lancet Diabetes & Endocrinology 2021; 9: 837-846

Endo2021 Cardio2021 Neuro2021



Indietro