XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Trattamento intensivo per abbassare il colesterolo LDL oltre alle attuali raccomandazioni per la prevenzione di eventi vascolari maggiori


I benefici del trattamento per ridurre il colesterolo LDL nella prevenzione delle malattie cardiovascolari aterosclerotiche sono ben definiti. Tuttavia, la misura in cui questi effetti differiscono per il colesterolo LDL al basale, il rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche e la presenza di comorbilità rimane non ben definita.

È stata condotta una ricerca sistematica in letteratura per studi randomizzati controllati su statine, Ezetimibe e inibitori della proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ) con almeno 1.000 anni-paziente di follow-up.

Meta-analisi e meta-regressione a effetti casuali sono state eseguite per valutare il rischio di eventi vascolari maggiori ( un composito di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, ictus ischemico non-fatale o rivascolarizzazione coronarica ) per riduzione delle concentrazioni di colesterolo LDL di 1 mmol/l ( 38.7 mg/dl ).

Sono stati inclusi nella meta-analisi 327.037 pazienti di 52 studi. Ciascuna riduzione di 1 mmol/l di colesterolo LDL è stata associata a una riduzione del rischio relativo ( RR ) del 19% per eventi vascolari maggiori ( RR 0.81; P minore di 0.0001 ).

Riduzioni simili ( per 1 mmol/l di riduzione del colesterolo LDL ) sono state riscontrate in studi con partecipanti con colesterolo LDL di 2.60 mmol/l o inferiore, 2.61–3.40 mmol/l, 3.41–4.10 mmol/l e più di 4.1 mmol/l ( P=0.232 per l'interazione ); e in un sottogruppo di pazienti che avevano tutti un colesterolo LDL basale inferiore a 2.07 mmol/l ( 80 mg/dl; RR 0.83; P=0.001 ).

Sono state trovate maggiori riduzioni del rischio relativo nei pazienti a rischio inferiore di malattia cardiovascolare aterosclerotica a 10 anni ( variazione di RR per malattia cardiovascolare aterosclerotica a 10 anni inferiore del 10% 0.97; P minore di 0.0001 ) e in pazienti di età più giovane compresa tra 50 e 75 anni ( variazione di RR per età più giovane di 10 anni 0.92; P=0.015 ).

Non sono state riscontrate differenze nella riduzione del rischio relativo per i partecipanti con o senza diabete ( P=0.878 per l'interazione ) e malattia renale cronica ( P=0.934 per l'interazione ).

Per ogni 1 mmol/l di abbassamento del colesterolo LDL, la riduzione del rischio di eventi vascolari maggiori è indipendente dal colesterolo LDL iniziale o dalla presenza di diabete mellito o malattia renale cronica.
I pazienti a basso rischio cardiovascolare e in età più giovane potrebbero avere una riduzione relativa simile del rischio con terapie per abbassare il colesterolo LDL e gli studi futuri dovrebbero esaminare i potenziali benefici di un intervento precoce. ( Xagena2020 )

Wang N et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2020; 8: 36-49

Cardio2020 Neuro2020 Endo2020 Farma2020


Indietro