Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Neurobase.it

Una dieta drastica riduce il grasso cardiaco nei pazienti con diabete mellito


Una dieta drastica, con riduzione calorica a sole 500 kcal al giorno, potrebbe eliminare la necessità di Insulina e migliorare la funzione cardiaca in alcuni pazienti con diabete mellito di tipo 2, secondo un gruppo di ricercatori del Leiden University Medical Center.

Dopo 4 mesi con una dieta di limitazione delle calorie, i pazienti diabetici obesi sono stati in grado di interrompere la somministrazione di Insulina, e il 75% di loro è riuscito a rimanere senza Insulina per oltre un anno, anche se avevano ripreso la loro dieta regolare.

Questi pazienti hanno anche presentato un miglioramento significativo della funzione diastolica, che è stato costante per oltre 18 mesi.
La funzione cardiaca migliorata era correlata ad una riduzione persistente del grasso pericardico.

I risultati hanno indicato che gli interventi sullo stile di vita possono dare maggiori benefici cardiaci rispetto ai farmaci, ed è sorprendente vedere come un intervento semplice come la riduzione dell'apporto calorico possa diminuire la necessità di Insulina.

Anche precedenti studi hanno correlato il grasso pericardico alla funzione cardiaca, specialmente nei pazienti con malattia metabolica.

Per valutare gli effetti della restrizione calorica a lungo termine sul contenuto di grasso pericardico e sulla funzione cardiaca, sono stati reclutati 15 pazienti affetti da diabete mellito a cui è stata assegnata una dieta di restrizione calorica, con sole 500 kcal al giorno per 4 mesi.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti a studi di risonanza magnetica al basale, a 4 mesi e di nuovo a 18 mesi.

Si è scoperto che 4 mesi di restrizione calorica hanno portato a un calo dell'indice di massa corporea ( BMI ) da 35.3 kg/m2 al basale a 27.5 kg/m2 e che la riduzione è stata ancora significativa dopo altri 14 mesi con una dieta normale ( BMI=31.7 kg/m2, P inferiore a 0.05 ). I pazienti erano in grado di interrompere il trattamento con Insulina il primo giorno di dieta, esclusivamente a causa del diminuito carico di carboidrati.

Inoltre, solo 4 pazienti sono tornati ad utilizzare l'Insulina entro la fine del periodo di 18 mesi di studio.
Per i primi giorni, l’interruzione dell'Insulina è un effetto della dieta stessa, ma dopo è un effetto della perdita di peso.

Anche i livelli di emoglobina glicata ( HbA1c ) si sono ridotti dopo 4 mesi di dieta, ma non in modo significativo, e a 18 mesi erano nuovamente ritornati a livelli pre-intervento.

Il grasso pericardico era diminuito significativamente dopo 4 mesi di dieta, e nonostante il riacquisto del peso dopo ulteriori 14 mesi, i pazienti avevano ancora meno grasso attorno al cuore di quanto non ne avessero all'inizio dello studio ( P inferiore a 0.05 ).

La diminuzione del grasso è stata associata a diversi benefici nella funzione cardiaca sia a 4 che a 18 mesi, incluso il miglioramento significativo della funzione diastolica, misurata come miglioramenti del rapporto E/A ( rapporto tra la velocità di riempimento precoce e tardiva ventricolare ) in entrambi i momenti rispetto al basale ( P inferiore a 0.05 ).
Non ci sono stati cambiamenti nella funzione sistolica misurata dalla frazione di eiezione, mentre c'è stata una riduzione della massa ventricolare sinistra, che si è ridotta dopo l'intervento ed è rimasta significativamente più bassa a 18 mesi ( P inferiore a 0.05 ).

Si è concluso che il contenuto di grasso pericardico può essere un nuovo marcatore per la valutazione del rischio cardiaco nei pazienti con diabete mellito e che la sua applicabilità clinica è promettente.
Tuttavia, la dieta di restrizione calorica non è adatta a tutti i pazienti diabetici obesi, in particolare a quelli con malattie renali, malattie cardiovascolari o altre comorbidità. ( Xagena2011 )

Fonte: Radiological Society of North America ( RSNA ) Meeting, 2011


Endo2011 Cardio2011



Indietro