Mediexplorer
OncoGinecologia.net
Ematologia.net

Un più alto indice BMI associato a miglior sopravvivenza tra i pazienti con carcinoma colorettale metastatico


I pazienti in sovrappeso o obesi con carcinoma colorettale metastatico presentano sopravvivenza globale significativamente prolungata rispetto ai pazienti di peso normale.
I pazienti con tumore del colon-retto metastatico che avevano un indice BMI ( indice di massa corporea ) inferiore a 18.5 hanno presentato una meno favorevole sopravvivenza globale e una sopravvivenza libera da progressione.

Questi dati confermano precedenti ricerche che avevano mostrato che l'obesità migliora gli esiti per i pazienti con tumore del colon e del retto, metastatico, e che i pazienti classificati come magri vanno incontro a una prognosi peggiore.

Il motivo alla base del miglioramento della prognosi nei pazienti obesi rimane sconosciuto.

La nuova ricerca ha valutato gli esiti del cancro del colon-retto metastatico in base all’indice BMI, e come l’indice di massa corporea possa influenzare la riduzione del dosaggio terapeutico.

L'analisi ha incluso i dati di 2.085 pazienti che erano stati arruolati in uno di otto studi di Fédération Francophone de Cancerologie Digestive tra il 1991 e il 2013.

Il 12% dei pazienti arruolati erano obesi ( indice BMI maggiore di 30 ); tra questi il 7.7% erano obesi nel periodo 1991-1999, il 14.5% nel periodo 2000-2006 e il 13.6% nel periodo 2007-2013.

I ricercatori hanno raggruppato pazienti per indice BMI, e hanno comparato i pazienti obesi ( BMI maggiore di 30 ) con i pazienti classificati come pazienti normali o in sovrappeso, e hanno confrontato i soggetti classificati come magri ( BMI inferiore a 18.5 ) con i pazienti non-magri ( BMI superiore a 18.5 ).

Rispetto ai pazienti normali e in sovrappeso ( BMI: 18.5 -29 ), i pazienti obesi hanno presentato una più lunga sopravvivenza mediana globale ( 19.5 vs 16.6 mesi; hazard ratio, HR = 1.15; IC 95%, 1-1.33 ), ma una paragonabile sopravvivenza mediana libera da progressione ( 7.9 versus 7.3 mesi; HR = 1.06; IC 95%, 0.93-1.22 ), e un più alto tasso di risposta obiettiva [ ORR ] ( 42% vs 38.5%; odds ratio, OR = 1.02; IC 95%, 0.77-1.37 ).

Quando gli sperimentatori hanno valutato i pazienti con un indice BMI superiore versus inferiore a 25, hanno trovato che i pazienti con il più alto indice di massa corporea presentavano una sopravvivenza globale significativamente prolungata ( 18.5 vs 16.3 mesi; HR = 1.13; IC 95%, 1.02-1.25 ) e un maggior tasso di risposta obiettiva ( 42% vs 36%; OR = 1.23; IC 95%, 1.01-1.5 ).

I risultati delle analisi dei sottogruppi ha mostrato che l'obesità era associata a migliori esiti tra gli uomini riguardo alla sopravvivenza globale ( P = 0.03 ) e alla sopravvivenza libera da progressione ( P = 0.05 ).

I pazienti con un indice BMI inferiore a 18.5 avevano una minore sopravvivenza globale ( HR = 0.75; IC 95%, 0.6-0.94 ) e una minore sopravvivenza libera da progressione ( HR = 0.75; IC 95%, 0.6-0.93 ).

Una maggiore percentuale di pazienti classificati come obesi hanno presentato riduzione della dose nel primo ciclo di terapia rispetto ai pazienti classificati come normali o in sovrappeso ( 34% vs 17%; P inferiore a 0.001 ). ( Xagena2016 )

Fonte: ASCO Annual Meeting, 2016

Onco2016 Gastro2016 Endo2016


Indietro