Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Pneumobase.it

Risultati ricerca per "Vitamina-D"

Due studi hanno dimostrato che Denosumab ( Prolia ) aumenta la densità minerale ossea negli uomini e nelle donne con osteoporosi. Il trattamento con Denosumab per un massimo di otto anni è stato as ...


Amgen ha annunciato che la FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato una nuova indicazione per Prolia ( Denosumab ) come trattamento per aumentare la massa ossea negli uomini con osteoporosi a ...


La carenza di Vitamina D è stata collegata a malattie polmonari ostruttive croniche, tubercolosi, malattie infiammatorie della colonna vertebrale, degenerazione maculare legata all'età e ...


L'osteoporosi è una malattia comune, caratterizzata da deterioramento della microarchitettura ossea, dalla fragilità dello scheletro e dall' aumento del rischio di fratture. La prevalenza di osteoporo ...


Gli effetti della Vitamina-D su fratture, cadute e densità minerale ossea sono incerti, in particolare per dosi elevate di Vitamina-D. Uno studio ha valutato l'effetto della supplemtazione di Vitami ...


I risultati di recenti meta-analisi sulla supplementazione con Vitamina-D senza co-somministrazione di Calcio non hanno mostrato una prevenzione delle fratture, probabilmente a causa della insufficien ...


Uno studio ha mostrato che la supplementazione di Vitamina-D non sembra impedire l’infarto miocardico, l’ictus, l’insorgenza di tumori e le fratture ossee, e difficilmente studi futuri potranno modifi ...


E’ stata condotta una revisione sistematica della letteratura e una meta-analisi per determinare l’efficacia della supplementazione con Vitamina-D nel migliorare la densità minerale ossea nei bambini ...


I rischi di sviluppare insufficienza renale e carenza di calcio dovuti al farmaco per l’osteoporosi Acido Zoledronico ( Aclasta ) sono estremamente rari, secondo i ricercatori della Loyola University ...


Studi precedenti avevano indicato che la carenza di vitamina-D nei bambini può portare al rischio di fratture e di altre comorbidità. Ricercatori inglesi hanno ora dimostrato che non esiste un legame ...